La devozione popolare, “cristianesimo incarnato”, è “frutto della presenza fondamentale della fede nella storia di un popolo ed aspetto dell’evangelizzazione che non può lasciare insensibili”, perché in essa si manifestano “espressioni particolari della ricerca di Dio da parte del popolo cristiano”.
La fede, infatti, non si limita alla preghiera, all’interiorità e alla razionalità, ma ha bisogno di elementi che ne sollecitino i sensi per poter abbracciare l’uomo nella sua interezza.

“Andare, vedere, toccare, ascoltare” sono azioni che accompagnano da sempre la pietà popolare, complementare alla liturgia, che la Chiesa accoglie e che, al contempo, sente la necessità pastorale di guidare, purificare, correggere in quelle espressioni e in quegli atteggiamenti distorti affinché esprimano, nella semplicità e nella cultura propria del popolo, la vera fede nel messaggio evangelico.

Una realtà viva e presente, espressione e testimonianza di quella sete di Dio dei semplici e dei poveri, che sente il desiderio di “ANDARE, VEDERE, TOCCARE, ASCOLTARE” la voce dell’Amato, e per questo va valorizzata ed evangelizzata per far veicolare nelle diverse culture la perenne novità dell’Evangelo.

 

Il programma della giornata

ore 10.00 La pietà popolare tra pratica e devozione: tipologie, forme, gesti, segni, pii esercizi
don ANTONIO DE GRANDIS
, liturgista, Presidente Centro Studi Architettura e Liturgia
ore 10.30 Pellegrinaggio e pietà popolare
mons. ARTURO TESTI, rettore Santuario B.V. di San Luca di Bologna e delegato regionale Emilia-Romagna Collegamento Nazionale Santuari
ore 11.00 Gli spazi e le forme del culto nella contemporaneità
don ANTONIO DE GRANDIS, liturgista, Presidente Centro Studi Architettura e Liturgia
ore 11.30 La conservazione e la tutela del patrimonio ecclesiastico: dalla conoscenza alla salvaguardia dei beni
CLAUDIO VARAGNOLI, professore di Restauro Architettonico, Università degli Studi “G. D’Annunzio, Chieti-Pescara
ore 12.00 Copie architettoniche e luoghi di culto
CLAUDIO VARAGNOLI, professore di Restauro Architettonico, Università degli Studi “G. D’Annunzio, Chieti-Pescara
ore 12.30 Dibattito e conclusioni

L’incontro si rivolge a sacerdoti e collaboratori, liturgisti, responsabili diocesani, architetti e tutti coloro che si occupano di liturgia, pastorale, beni culturali e spazi architettonici ecclesiastici.

Per questo convegno sono stati riconosciuti n. 2 CFP dall’Ordine degli Architetti di Bologna.



Andare, vedere, toccare, ascoltare_Devotio2017


Per informazioni:

Ufficio stampa Devotio   press@devotio.it   Tel. +39 0542 641731

 

Logo-Thema-Magazine 
è MEDIA PARTNER di