La Fondazione Museo Diocesano di Alba, l’Associazione Turismo in Langa e l’Associazione Colline e Culture propongono la 2° edizione della call “Rodello Arte” che ha come obiettivo la produzione di opere d’arte contemporanea dedicata al tema del sacro. Il progetto è promosso grazie al contributo della Fondazione CRC, Fondazione CRT e da “La Residenza” di Rodello, con il sostegno del Comune di Rodello (CN).

La Call

“Bisogna avere il coraggio di trovare i nuovi segni, i nuovi simboli, una nuova carne per la trasmissione della Parola, le diverse forme di bellezza che si manifestano in vari ambiti culturali, e comprese quelle modalità non convenzionali di bellezza, che possono essere poco significative per gli evangelizzatori, ma che sono diventate particolarmente attraenti per gli altri”.  (Evangelii Gaudium, papa Francesco)

La call riprende una iniziativa del Can. Mario Battaglino, parroco di Rodello, che nel 1964 promosse un seminario sperimentale cui aderirono giovani artisti quali Piero Ruggeri, Giorgio Ramella, Bruno Sandri, Beppe Morino sotto la guida di Enrico Paulucci.  L’invito era di raccogliere gli stimoli offerti dal Concilio Vaticano II: Paolo VI, infatti, sollecitava gli artisti ad allacciare una rinnovata alleanza con la comunità cristiana, in cui esprimere con creatività e libertà il proprio genio artistico.

Il gruppo di opere allora prodotte è rimasto in dotazione e custodia nella Chiesa dell’Immacolata  e formarono il primo nucleo del museo di arte religiosa di Rodello. In quell’ambito si colloca l’incontro, nel 1969 a Torino, tra Dedalo Montali (Cagliari 10 luglio 1909-Rodello 13 febbraio 2001) e don Mario Battaglino impegnato a fondare, sempre a Rodello, “La Residenza”, una casa di cura, e a cercare un artista che ne illustrasse la cappella, secondo le nuove istanze conciliari. La sua opera rappresenta un’acuta rappresentazione della Chiesa del Vaticano II.

La call giunta alla seconda edizione è finalizzata alla ricerca di artisti per realizzare opere d’arte ispirate al tema del sacro e della terra. Il rapporto tra arte contemporanea e sacro è l’eredità storica dell’esperienza artistica di  Rodello narrata in premessa, che la call vuole raccogliere e reinterpretare, collegandolo alla cultura della terra, elemento specifico della storia di queste colline, oggi patrimonio UNESCO.

Il percorso si articola in due fasi: nella prima, gli artisti selezionati saranno coinvolti in un workshop residenziale di due giornate (Rodello, 24-25 febbraio) che attraverso narrazioni, esperienze e laboratori permetterà di mettere a fuoco i temi ispiratori della call; nella seconda fase i candidati saranno invitati a produrre un’opera d’arte legata ispirata ai temi del sacro e della terra.

La candidatura è riservata solo ad artisti che non abbiamo preso parte alle precedenti edizioni del progetto.



Candidature

Per partecipare alla 2° edizione della call “Rodello Arte” alla quale saranno ammessi massimo 15 candidati è necessario inviare la documentazione cartacea o digitale composta da un curriculum vitae e un portfolio con una selezione di 5 lavori.

Sono ammesse le seguenti forme di produzione artistica: grafica/illustrazione, pittura, scultura, fotografia.

La candidatura e la relativa documentazione, dovrà essere inviata entro e non oltre domenica 11 febbraio 2018.

L’inaugurazione dell’esposizione si terrà sabato 5 maggio in concomitanza con un più ampio evento organizzato dal Comune di Rodello, dedicato al tema del vino.

Per ulteriori informazioni,  consulta il bando completo



Download (PDF, 1.54MB)