Martedì 28 novembre a Torino presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale e giovedì 30 novembre a Parma presso il Palazzo Vescovile sarà presentato il volume Storie di chiese. Storie di comunità. Progetti, cantieri, architetture curato dal prof. Andrea Longhi.

Il volume indaga la storia dell’architettura dei complessi parrocchiali tra gli anni del concilio Vaticano II e l’inizio del nuovo Millennio, muovendo dall’analisi di trenta casi, interpretati come testimoni della storia della Chiesa e come elementi caratterizzanti il paesaggio italiano del secondo Novecento. L’agire architettonico delle comunità cristiane viene raccontato come storia di responsabilità, personali e collettive, e come sequenza di continue modificazioni: le parrocchie sono cantieri mai conclusi, in cui si manifestano passioni mai sopite e aspirazioni mai pienamente raggiunte.

L’architettura dei complessi ecclesiali è quindi analizzata come prodotto sociale, esito di articolati processi  di ideazione, costruzione e trasformazione, terreno di confronto tra modelli ecclesiologici, disposizioni liturgiche, pratiche sociali e poetiche spaziali. L’edificio e la comunità si rispecchiano vicendevolmente, in ogni fase della loro storia, dalla genesi culturale e teologica del progetto, alle tante negoziazioni quotidiane di adeguamento, adattamento e aggiornamento che trasformano le chiese in architetture senza architetti. Ogni comunità è infatti l’interprete, il custode e il riformatore del proprio complesso parrocchiale,  opera aperta in cui l’architettura si misura con le sfide poste dall’ospitalità liturgica e sociale cui è chiamata.

Tra le opere discusse nel volume, progetti di

Anselmi & Associati, Archicura, Sandro Benedetti, Francesco Berarducci, Mario Botta, Justus Dahinden, Gabetti & Isola, Glauco Gresleri, Höller & Klotzner, Enea Manfredini, Giovanni Michelucci, Nicola Pagliara, Gio Ponti, Paolo Portoghesi, Ludovico Quaroni, Carlo Quintelli e altri

Progetti, cantieri e architetture di complessi parrocchiali a

Alba, Arzignano, Bologna, Cagliari, Cividale del Friuli, Colobraro, Firenze, Gorla Minore, Laives/Laifers, Lavagna, Marino, Matera, Monza, Palmi, Parma, Paternò, Pescara, Pila, Pordenone, Portici, Quartu Sant’Elena, Reggio Emilia, Rho, Roma, Salerno, Spello, Taranto, Torino, Varedo.



Download (PDF, 689KB)


Download (PDF, 1.78MB)



Breve profilo dell’autore

Andrea Longhi, architetto, è professore associato di Storia dell’architettura al Politecnico di Torino, dove insegna Storia e critica del patrimonio territoriale presso il Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio; è autore di studi sulla storia dell’architettura liturgica e sul patrimonio di interesse religioso, sviluppati in progetti di ricerca e incontri nazionali e internazionali (Spagna, Inghilterra, Belgio, Germania, Messico, Cile). Tra i suoi precedenti volumi : Luoghi di culto. Architetture 1997-2007 (Motta 2008); Architettura, Chiesa e società in Italia. 1948-1978 (Studium 2010, con Carlo Tosco).